Alimenti a base di farina

La parola giapponese per la cucina che usa la farina è konamon, letteralmente “cosa in polvere”. Il takoyaki e l’okonomiyaki sono i due piatti più comunemente chiamati “konamon”, ma in senso più ampio il termine comprende anche piatti a base di noodle come soba, udon e pasta, così come gnocchi dango, mochi, pane, torte, e così via – fondamentalmente qualsiasi cosa fatta con cereali, non solo farina, ma anche riso o grano saraceno. Questi piatti cominciarono a diventare popolari intorno al 1700. L’okonomiyaki a quel tempo veniva mangiato con il miso, ecc. e solo intorno al 1930 ha assunto la sua forma attuale. Fondendosi con la cultura del dashi di Osaka, è arrivato allo stile di cucina attuale mescolando tutti gli ingredienti con le alghe e il bonito dashi. Takoyaki, dal 1920 circa, ha visto vari cambiamenti di nome come “radio-yaki” e “chobo-yaki” prima di arrivare a quello che è oggi. Si dice che l’uso del polpo sia stato il risultato dell’influenza della “Akashi-yaki” mangiata nella città di Akashi nella vicina prefettura di Hyogo. Il posto migliore per gustare deliziosi piatti a base di farina è sicuramente Osaka. Osaka ha un’alta concentrazione di ristoranti che servono deliziosi konamon con particolare attenzione al takoyaki e all’okonomiyaki, e si può ottenere un vero apprezzamento per le loro caratteristiche uniche con il sapore e gli ingredienti originali di ogni ristorante. Perché non godersi una passeggiata per le strade di Osaka mentre si gustano deliziosi piatti konamon? Il sito ufficiale dell’Associazione giapponese Konamon ha informazioni ancora più dettagliate sul konamon.

Okonomiyaki
Takoyaki
Takoyaki