Musei d’arte II

Questa sezione presenta alcuni musei d’arte che hanno ricevuto grandi elogi sia in Giappone sia all’estero. Colpisce l’attenzione non solo di chi ama l’arte, ma di un pubblico molto più vasto.

Il Museo d’Arte di Otsuka è il più grande museo di belle arti su piatti di ceramica del Giappone, con una superficie espositiva permanente di circa 30.000 m2 e un percorso di circa 4 chilometri. Le opere esposte comprendono fedeli riproduzioni su piastra di ceramica a grandezza naturale di oltre 1.000 capolavori occidentali dall’antichità ai giorni nostri, di proprietà di oltre 190 musei in 26 Paesi del mondo. Si possono ammirare in un unico luogo quadri famosi nel mondo, come quelli di Picasso, Monet, Renoir e Leonardo, che certamente destano l’interesse anche ai non intenditori.

Il Museo Nazionale d’Arte Occidentale, situato nel Parco di Ueno a Tokyo, è stato inaugurato nel 1958; il suo fulcro è la “Collezione Matsukata”, restituita dal governo francese. La Collezione Matsukata è una collezione di dipinti e altre opere d’arte riunite da Kojiro Matsukata, presidente del cantiere navale di Kawasaki. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, la collezione è stata posta sotto il controllo del governo francese come bottino di guerra, ma successivamente il governo francese ha chiesto la creazione di un nuovo museo come condizione per la sua restituzione in base all’Accordo Culturale Giappone-Francia del 1953. Con la Collezione Matsukata, composta da 360 pezzi, il museo ospita circa 6.000 opere in diversi campi come la pittura, la scultura, il disegno, le stampe e l’artigianato. Nelle mostre permanenti è consentito fare foto. L’edificio stesso, progettato dall’architetto di fama mondiale Le Corbusier, è un prezioso bene culturale ed è stato registrato come patrimonio dell’umanità dall’UNESCO nel 2016.

Museo d’arte di Otsuka
Museo Nazionale d’Arte Occidentale