Tintura e tessitura

La tintura e la tessitura sono chiamate collettivamente senshoku in giapponese. Si dice che la tintura e la tessitura siano state eseguite in Giappone fin dal periodo Jomon, più di 2.300 anni fa, quando i materiali per maglieria erano corde.

Ci sono varie tecniche di tintura e di tessitura. La tintura viene effettuata dopo la tessitura, ed è spesso usata per i kimono. Ci sono vari tipi, come la tintura yuzen, la tintura roketsu, la tintura a stencil e la spremitura, e il prezzo può essere molto diverso quando si tratta di kimono. I luoghi più famosi per le tinture sono il Kaga Yuzen a Ishikawa, il Kyo Yuzen a Kyoto e il Komon a Tokyo.

Un orimono è un tessuto intrecciato con fili tinti in precedenza. A seconda delle varie trame, i modelli possono essere molto diversi. Ci sono 38 tipi di tessuti designati come artigianato tradizionale in tutto il Giappone. Tra questi, Oshima Tsumugi a Kagoshima è tra le più importanti per la seta, uno dei tre principali tessuti del Giappone. La zona Nishijin di Kyoto, famosa per il Nishijin-ori, è ancora fiancheggiata da negozi tessili di lunga data. A Kyoto ci sono strutture e laboratori dove si può sperimentare la tintura e la tessitura e portare come souvenir a casa le proprie creazioni.


Nishijin-ori