Tempura

La tempura si ottiene impastando pesce e verdure con farina e acqua prima di friggerli in abbondante olio. Questo piatto permette di gustare sia la consistenza croccante sia il gusto delizioso degli ingredienti. Si dice che il metodo di preparazione della tempura abbia origine nel XVI secolo, quando i commercianti portoghesi portarono per la prima volta le armi da fuoco in Giappone, e si dice che la parola derivi dal portoghese têmpora (“le Tempora”). Cominciò a diffondersi tra la popolazione del Giappone intorno al 1700, durante il periodo Edo. Ora è apprezzato da moltissimi visitatori stranieri in Giappone come piatto tipico della cucina giapponese. Gli ingredienti più usati per la tempura includono gamberi, gronghi, pollo, funghi shiitake, funghi maitake, cipolla, melanzana, zucca, patata dolce, chikuwa (“anello di bambù” a base di pesce)… Osaka è famosa per la sua tempura di zenzero rosso sottaceto. La tempura si gusta tipicamente con il sale o con una salsa leggera chiamata tsuyu. Il tipo di sale in cui si immerge la tempura dipende dagli ingredienti della tempura, ma alcune varietà comuni includono “sale matcha”, “sale al curry”, “sale di prugna” e “sale yuzu”. La tempura è popolare anche come piatto casalingo, ed è spesso gustata come condimento per udon o soba noodle, oppure con la salsa tsuyu nel riso (tale piatto è chiamato ten-don). Naturalmente ci sono anche ristoranti che hanno come specialità la tempura, dove potrete gustare ogni tipo di tempura da sola. Un modo per gustare la tempura è quello di sperimentare tutti i diversi modi che non incontrereste mai se non fosse per questi ristoranti che l’hanno come specialità.

Tempura