Santuario di Itsukushima, Miyajima

Miyajima è una piccola isola con una popolazione di circa 2.000 persone. È raggiungibile in traghetto dal porto di Miyajimaguchi nella prefettura di Hiroshima e si impiegano circa 10 minuti per raggiungerla. Si dice che sia un’“isola degli dei”, e fin dall’antichità l’isola stessa è stata venerata come una divinità della fede shintoista. Il Santuario di Itsukushima, che si trova sull’isola, è stato inserito nel 1996 nella lista del Patrimonio dell’umanità dell’UNESCO ed è conosciuto in tutto il mondo come una tappa imperdibile in un viaggio in Giappone. Il santuario è stato costruito circa 1.500 anni fa, ed è dedicato a tre divinità sorelle venerate come dee della navigazione. Poiché si dice che queste “dee della navigazione” abbiano il potere di proteggere la sicurezza delle navi, il santuario è venerato per la sua efficacia nel prevenire danni causati dall’acqua e per la sicurezza del traffico. Il Santuario di Itsukushima è noto per la sua particolare caratteristica di essere costruito in un luogo dove la marea si abbassa e rifluisce, e quindi dà l’impressione di galleggiare sul mare. Lo scenario naturale che si estende sullo sfondo ha una bellissima armonia con il massiccio torii e il complesso di edifici del santuario, costruiti in stile shinden-zukuri, la cui devozione religiosa e bellezza fanno sì che il santuario sia definito “terra sacra che galleggia sul mare”. Quando la marea è bassa si può uscire e camminare intorno al torii, ma uno spettacolo meraviglioso consiste nel vedere il torii mentre il sole tramonta durante l’alta marea, e quando è illuminato dopo il tramonto. Oltre al Santuario di Itsukushima, Miyajima ha molto da offrire, con affascinanti cervi che vagano liberamente per l’isola, e numerosi ricchi scenari naturali. È particolarmente popolare come luogo turistico in autunno, quando le foglie cambiano colore. Tra le cose particolarmente famose che Miyajima offre c’è il momiji manju, panini di pan di Spagna a forma di foglia d’acero (momiji) e riempiti con panna o cioccolato, oppure con pasta di fagioli dolci.

Festival dei fuochi d’artificio sull’acqua di Miyajima
Panini Momiji Manju