Kusatsu Onsen

Kusatsu Onsen, in Gunma, è rinomata per essere una delle tre più importanti sorgenti termali del Giappone grazie al fatto che ogni minuto più di 32.300 litri di acqua calda sgorgano naturalmente dalla terra. Il volume d’acqua, in un solo giorno, può riempire circa 230.000 fusti. Per questo motivo le tradizionali locande ryokan e i bagni termali di Kusatsu sono in grado di fornire un’abbondante quantità di acqua calda direttamente dalla sorgente. Yu-batake, nel centro del quartiere termale, è il simbolo di Kusatsu Onsen. Yu-batake vede sgorgare circa 4.000 litri di acqua calda ogni minuto, ed è perennemente immersa nel vapore bianco. È anche noto che l’acqua calda della sorgente veniva messa in barili e trasportata al castello di Edo per servire Tokugawa Yoshimune, l’ottavo shogun Tokugawa, e Tokugawa Ieharu, il decimo shogun. A “Netsu-no-yu”, nella parte anteriore di Yu-batake, si può godere di uno spettacolo in cui viene mostrato il tradizionale metodo di raffreddamento ad acqua conosciuto come yu-momi (o agitazione dell’acqua) tramandato dal periodo Edo (1603–1868) insieme a una canzone tradizionale. Sainokawara-dori, situata vicino a Yu-batake, è la strada principale di Kusatsu Onsen, ed è ricca di negozi di souvenir e ristoranti. Potrete anche godervi una passeggiata nei vari parchi e musei d’arte nelle vicinanze. Sainokawara vanta l’unico grande stabilimento balneare all’aperto di Kusatsu Onsen, e mentre ci si immerge nella grande vasca da bagno si possono ammirare i vari paesaggi presenti a seconda della stagione, come il verde fresco dell’estate, le foglie autunnali o la neve delicata. Kusatsu è famosa anche per la sua stazione sciistica; in inverno si può godere delle attività sulla neve e dei bagni caldi in primavera.

Kusatsu Onsen
Kusatsu Onsen

Ginzan Onsen

Ginzan Onsen è un antico villaggio termale nella prefettura di Yamagata. Come suggerisce il nome Ginzan (letteralmente “miniera d’argento”), la zona ha fatto fortuna grazie alla sua miniera d’argento fino all’inizio del periodo Edo, dopo di che è diventata più conosciuta come località termale. Attorno alla riva del fiume Ginzan, che attraversa il centro della città, sono presenti molte locande ryokan tradizionali in legno a tre e quattro piani che risalgono al periodo Taisho (1912-1926), e vi sembrerà di essere entrati in un romanzo giapponese dei primi anni del XX secolo. Il quartiere termale è illuminato di notte da lampade a gas che gli conferiscono un’atmosfera mistica. Ginzan Onsen è diventato famoso in Giappone in quanto set di una popolare fiction televisiva, O-Shin (prima trasmissione 1983-4), e da allora i turisti sono accorsi per vedere i luoghi delle riprese. Tra le tante locande giapponesi d’atmosfera, la più famosa è sicuramente la “Fujiya Ryokan” nel centro del quartiere termale. La struttura di Fujiya Ryokan, costituita da numerosi reticoli verticali in legno bianco, è stata progettata dall’architetto di fama mondiale Kengo Kuma. Nuovo è anche il design delle semplici stanze, circondate da filtri di bambù chiamati sumushiko. Un’altra delle ragioni per cui questa locanda è così popolare è che tutti i suoi bagni vengono affittati individualmente e permettono quindi di godere dell’acqua termale privata della locanda. A pochi passi dal quartiere termale di Ginzan si trova il panoramico Parco Shirogane, che consigliamo vivamente. C’è anche una cascata di 22 metri, una passeggiata che segue i resti dell’ex miniera d’argento, e si può visitare la miniera stessa dove un tempo si estraeva l’argento. L’atmosfera qui è molto diversa dal quartiere termale, ma vi piacerà sicuramente.

Ginzan Onsen
Ginzan Onsen

Hakone Onsen

La zona di Hakone Yumoto, situata nel centro del Parco Nazionale Fuji Hakone Izu, è tra le più popolari destinazioni termali del Giappone. Hakone Onsen è stata aperta nel 757. Nel periodo Edo (1603-1868), prosperò come località termale lungo il Tokaido, o “Strada del Mare Orientale” che collegava la capitale dello shogun, situata a Edo (la Tokyo moderna), alla corte imperiale di Kyoto. La caratteristica unica di Hakone Onsen è che ci sono 20 sorgenti calde con diverse tipologie di acque e benefici. Ci sono più di 40 strutture ospitanti che offrono bagni termali, così come un’abbondanza di strutture balneari termali in cui ci si può fermare senza bisogno pernottare. L’“Hakone Yumoto Onsen”, conosciuto come l’ingresso per Hakone Onsen, ha la storia più antica tra tutte le sorgenti termali presenti a Hakone e i visitatori si affollano nella famosa locanda tradizionale situata vicino alla stazione ferroviaria. Oltre alle sorgenti termali, Hakone Onsen ospita molti edifici storici tra cui templi buddisti, musei, gallerie d’arte e un ricco scenario naturale che è un piacere visitare. Tutto questo si aggiunge al grande fascino di Hakone! Ci sono anche strutture dove si possono vedere le geisha che eseguono danze tradizionali e suonano strumenti tradizionali giapponesi, e negozi di “noleggio kimono” dove si possono provare gli abiti tradizionali, in modo tale da poter creare l’esperienza giapponese perfetta e ricordi che dureranno una vita intera. Hakone Yumoto Onsen è facilmente raggiungibile dalla stazione di Shinjuku a Tokyo, ci si impiegano solo 85 minuti prendendo il treno espresso limitato “Odakyu Romancecar”.

Hakone Onsen
Hakone Onsen

Dogo Onsen

Dogo Onsen, nella città di Matsuyama nella prefettura di Ehime, è una delle “Tre Antiche Sorgenti del Giappone”, con oltre 3.000 anni di storia. Essendo la più antica sorgente termale del Giappone, si dice che le sue origini si possano ritrovare nel racconto di un airone, il quale guariva le sue ferite facendo il bagno in questa sorgente termale. Il nostro consiglio per Dogo Onsen è di fare il giro dei tre meravigliosi bagni all’aperto. Il primo è il Dogo Onsen Main Building, costruito nel 1894, ovvero il 27° anno del periodo Meiji in Giappone. Questo edificio di legno a 3 piani è diventato un simbolo di Dogo Onsen. È stato più volte ristrutturato, e nel 1994 è stato registrato come importante bene culturale dal governo giapponese. Si dice che il Dogo Onsen Main Building sia stato la base per l’ambientazione del famoso anime La città incantata di Hayao Miyazaki (Studio Ghibli). Il secondo è Asuka no Yu, collegato al Dogo Onsen. La sua concettualizzazione è di un bagno che incorpora lo stile architettonico del periodo Asuka (592-710). Qui potrete godervi il tradizionale bagno di Dogo Onsen e, dopo essere usciti dalla vasca da bagno e aver indossato l’accappatoio yukata, vi verranno offerti tè e dolci. Il terzo è Tsubaki no Yu (“Bagno delle camelie”), che si trova nel quartiere commerciale di Dogo ed è amato dagli abitanti di Matsuyama da moltissimi anni. Qui si trova un “tubo di scarico yugama”, caratteristico di Dogo Onsen, e si può godere dell’acqua calda che sgorga direttamente dalla sorgente, proprio come nel Dogo Onsen Main Building. Vi consigliamo di fare una passeggiata nel quartiere dello shopping di Dogo dopo il bagno. Si possono mangiare dolci fatti con le tipiche arance di Ehime, e incontrare altre specialità locali come la lacca Sakurai, le perle Uwajima, la ceramica di terracotta e gli asciugamani Imabari! Dogo Onsen ha fatto da ambientazione al famoso romanzo di Natsume Soseki Botchan; anche il “Botchan Karakuri Clock”, in cui si possono vedere vari personaggi del romanzo, e la locomotiva diesel che imita le locomotive a vapore di un tempo, sono attrazioni popolari. Dogo Onsen è pieno di attrazioni e attende una vostra visita!

Dogo Onsen
Dogo Onsen

Beppu Onsen

“Beppu Onsen” è un nome generico per indicare le diverse centinaia di sorgenti termali che si trovano nella città di Beppu nella prefettura di Oita. Beppu Onsen ha una storia molto lunga, poiché la Iyo-no-kuni Fudoki (“Gazzetta della provincia di Iyo”) dell’inizio dell’VIII secolo riporta che gli stessi dei si bagnarono nelle sorgenti calde di Beppu per scopi medicinali. Beppu Onsen ha un totale di circa 2.300 sorgenti da cui sgorgano circa 87.000 litri d’acqua; entrambi questi valori sono i più grandi del Giappone. Ci sono più di 300 strutture balneari, e in tutta la città c’è uno splendido scenario di vapore che sgorga dalle sorgenti. Gli otto bagni noti come “Beppu Hatto” (le Otto Sorgenti di Beppu), ovvero Beppu, Myoban, Horita, Shibaseki, Kannawa, Kankaiji, Kamegawa e Hamawaki, sono sinonimo di Beppu Onsen. In particolare i luoghi che speriamo davvero che visiterete sono i bagni “Tour dell’Inferno” a Kannawa e Kamegawa. L’area di Kannawa e Kamegawa è stata temuta per secoli perché le eruzioni attive di fumarole, fango caldo, acqua calda, ecc., con il fumo bianco che sbuffa verso l’alto e l’acqua bollente che sgorga continuamente, così come la colorazione dell’acqua dovuta alle reazioni chimiche, tutto si combina per dare all’area una somiglianza con le rappresentazioni buddiste dell’inferno. Al giorno d’oggi sono state costruite delle strutture ed è diventata una meta turistica molto apprezzata al punto che si può anche fare un “Tour dell’Inferno”. Consigliamo anche il “Beppu Beach Sand Bath”, una rarità tra i quartieri termali giapponesi. Qui non si fa il bagno nell’acqua calda della sorgente, ma si indossa uno speciale costume da bagno e ci si sdraia sulla sabbia riscaldata della spiaggia e, dopo essere stati coperti di sabbia, nel giro di 15 minuti il corpo si sentirà rinvigorito. Se volete provare la cucina tipica di Beppu, le verdure e i frutti di mare jigoku mushi (“Inferno al vapore”), cucinati al vapore con le fumarole calde della primavera, sono una famosa prelibatezza della regione fin dal periodo Edo.

Beppu Jigoku Meguri (Tour dell’Inferno)
Beppu Jigoku Meguri (Tour dell’Inferno)