Canale di scarico sotterraneo esterno dell’area metropolitana

Un capolavoro dell’ingegneria moderna nel sottosuolo di Tokyo

Dato che Tokyo sorge su un’area al di sotto del livello del mare ed è vulnerabile alle inondazioni durante la stagione delle piogge e dei tifoni, le autorità hanno deciso di costruire il più grande sistema sotterraneo al mondo per proteggere la città dalle inondazioni e ridurre l’impatto di eventuali disastri. Questo canale di drenaggio sotterraneo nella città di Kasukabe, nella prefettura di Saitama, gestito dal Ministero del Territorio, delle Infrastrutture, dei Trasporti e del Turismo, svolge il ruolo di drenaggio delle acque di tracimazione dei fiumi Nakagawa, Kuramatsu e Ootoshi Furutone che, attraverso l’area metropolitana, confluiscono nell’Edogawa attraverso un tunnel.

Un sistema di gallerie in cemento armato che si sviluppa a 50 metri di profondità e per una lunghezza di 6,5 km, conosciuto anche come G-Can Project o “Tunnel sotterraneo”. I lavori di costruzione di questa prodigiosa opera di ingegneria moderna sono durati dal 1992 al 2006. Circa sette volte all’anno, il sistema convoglia l’acqua delle forti piogge nei serbatoi, evitando così che le strade di Tokyo si trasformino in fiumi in piena. Questo canale sotteraneo è aperto alle visite tutto l’anno previa prenotazione.



Percorso alluvionale esterno dell’area metropolitana