Jingisukan

Jingisukan: un piatto locale di Hokkaido dove si possono grigliare carne di pecora e verdure su una piastra di ferro rovente. La caratteristica è quella di utilizzare una speciale piastra di ferro con un centro rialzato e una forma di montagna, e molte famiglie in Hokkaido hanno questa piastra di ferro. Inoltre, se si cammina per la città, si trovano qua e là negozi specializzati jingisukan. È un piatto veramente indispensabile per la gente di Hokkaido.

Ci sono vari modi di mangiarlo a seconda della regione e del ristorante, e il tipo di carne può essere di agnello (meno di un anno) o di montone (più di un anno). A Sapporo, la carne viene mangiata con un sugo, ma a Takikawa la carne viene immersa nel sugo e poi cotta. A fine pasto, alcuni ristoranti fanno bollire l’udon e il ramen nella salsa jingisukan.

L’agnello è a basso contenuto di colesterolo e calorie. Inoltre, contiene ferro e vitamine B12, B1, B2 e niacina. Inoltre, poiché le verdure sono cotte insieme, si possono mangiare molti tipi di ingredienti in una sola volta, il che è piuttosto salutare.

Nel 2004 è stato designato come Patrimonio dell’Hokkaido per essere tramandato come un tesoro alle generazioni future.


Jingisukan

Kiritanpo (bastoncini di riso schiacciati)

Nell’Akita, il purè di riso viene avvolto intorno a un bastoncino e cotto: questo piatto si chiama “kiritanpo”. Potete cucinarlo con il miso, oppure toglierlo dal bastoncino e tagliarlo per facilitarne il consumo. Mettetelo in una pentola contenente pollo, cipolle verdi, funghi, bardana, prezzemolo, ecc. e avrete “kiritanpo-nabe”. È un alimento tipico della prefettura di Akita, la più grande area di produzione di riso del Giappone. Spesso si mangia soprattutto dall’autunno all’inverno, e appena cucinato è fragrante e delizioso abbastanza da poter essere mangiato così com’è! Mettetelo in una pentola e mangiatelo con del brodo di pollo per riscaldare il corpo.

Originariamente, il piatto è nato nella regione settentrionale della prefettura di Akita, come Odate e Kazuno, e la sua variante ha proprie storie di origine. Una teoria sostiene che i boscaioli impastarono il riso rimasto e lo misero in una pentola di pollo o lo mangiarono con il miso, un’altra teoria sostiene che i cacciatori lessarono il riso avanzato con gli uccelli selvatici che avevano cacciato e li mangiarono insieme.


Kiritanpo (bastoncini di riso schiacciati)

Kiritanpo (bastoncini di riso schiacciati)

Wanko Soba

Anche se può assomigliare a qualsiasi altro noodle di grano saraceno o soba, la “wanko soba” della prefettura di Iwate, nel nord-est di Honshu, è unica per il modo di mangiarla. Ogni volta che mangiate un boccone di soba, il cameriere che vi sta accanto ne aggiungerà un altro, e potrete riempire tutte le tazze che vorrete. Mentre il dialetto varia a seconda della località, il cameriere dirà qualcosa come “Hai, jan-jan!” o “Hai, don-don!” (che significa qualcosa come “Va bene, continua!”), con un ritmo costante, incoraggiando il commensale a continuare a mangiare sempre più ciotole a buon ritmo. Aggiungete spezie come il nameko con ravanello bianco grattugiato, sesamo bianco, cipolle verdi e perilla verde, e cambiate il sapore per goderne fino alla fine. Quando si è pieni, si copre rapidamente la ciotola prima che il cameriere ne aggiunga altri. Questo segnala “Ho finito!”.

L’origine di questo modo di mangiare era che ai vecchi tempi, quando si accoglieva un gran numero di ospiti a un banchetto, si supponeva che tutti mangiassero una grande quantità di soba deliziosa appena bollita. Dal suo aspetto vivace, si può avere l’immagine di “mangiare molto, mangiare veloce, competere”, ma in realtà, è un piatto meraviglioso creato dallo spirito di ospitalità.


Wanko Soba

Gyutan (lingua di manzo)

Lingua di manzo tagliata spessa, posta su una rete metallica e grigliata profumatamente sul carbone per darle una bella consistenza, condita con sugo succoso che trabocca ogni volta che si mastica: questo è il gyutan!

Il gyutan è nato a Sendai, nella prefettura di Miyagi, dopo la fine della seconda guerra mondiale. All’epoca era generalmente usato nei piatti occidentali, ma il proprietario di un ristorante grill Tasuke rimase affascinato dal gusto ricco del gyutan e ideò da solo un nuovo menu originale. In seguito, nel 1948, aprì un ristorante di specialità gyutan. La sua popolarità è aumentata costantemente grazie al suo buon gusto, e alla fine si è diffusa in tutto il Paese. Attualmente, solo nella città di Sendai ci sono circa 100 ristoranti di questo tipo, ed è ora il più famoso dei gourmet di Sendai.

Quando si ordina, è possibile ottenere il gyutan da solo, ma in linea di principio dovrebbe essere gustato come parte di un pasto con riso d’orzo, zuppa di coda, cavolo cinese e cetriolo salato fra gli altri. È un piatto di carne sano, ad alto contenuto proteico e a basso contenuto di grassi, quindi è consigliato anche per le donne a dieta.


Lingua di manzo

Lingua di manzo

Sanuki Udon

L’udon viene consumato in tutto il Giappone, ma un esempio particolarmente valido è il sanuki-udon di Kagawa, con i suoi noodle gommosi e il ricco brodo di zuppa a base di sardine essiccate. Molte persone vengono fin qui da altre prefetture per mangiare l’udon, dando a Kagawa il soprannome di “Prefettura dell’Udon”.

A Kagawa, per molto tempo è esistita l’abitudine di mangiare l’udon ad ogni evento; e anche ora, si mangia “Udon di Capodanno” al posto degli ozoni giapponesi standard il giorno di Capodanno. Inoltre, a seconda della zona, quando ci si trasferisce in una nuova casa, è consuetudine mangiare udon in una vasca da bagno con la speranza di poter vivere una vita lunga e sana.

Se si va a mangiare, è meglio controllare in anticipo il metodo di ordinazione e il metodo di consumo. Ci sono tipi generali dove si ordina seduti al proprio posto, tipi dove si ordina e si paga il conto tenendo in mano un vassoio dopo essere entrati nel ristorante e prima di arrivare al proprio posto, e ci sono anche posti dove si possono mangiare noodle appena fatti in un angolo della fabbrica di noodle. Esistono anche diversi tipi di udon, dal kake-udon di base al bukkake-udon cosparso di dashi freddo, al kijoyu-udon, che si ottiene cospargendo di salsa di soia l’udon freddo, e al kamaage-udon, che consiste in noodle di udon in acqua bollita calda. Per coloro che vogliono godere di vari sapori, si consiglia di passeggiare per diversi negozi.


Sanuki Udon

Sanuki Udon

Katsuo no Tataki

Si tratta di un piatto di bonito (katsuo) della prefettura di Kochi, preparato mettendo il bonito di filetto su una rete e schiacciandolo con un fuoco di paglia arrostita. Tostando il bonito fresco, la pelle diventa più facile da mangiare e il sapore diventa più ricco. In realtà, il katsuo no tataki è stato originariamente mangiato dai pescatori, e si dice che un tale metodo di cottura sia nato per mangiare il bonito che ha perso la sua freschezza a bordo in un ambiente dove non esisteva ancora una tecnologia di conservazione.

A proposito, il nome tataki deriva dal fatto di tagliarlo prima di mangiarlo, cospargendolo di sale e picchiettandolo leggermente. Si dice che il nome del piatto derivi dal picchiettarlo (tataku) per fondersi con il gusto.

Ci sono vari metodi di finitura a Kochi, come la spolveratura con la salsa in combinazione con l’aceto di yuzu e la salsa di soia, e la spolveratura con il sale, ma tutti sono serviti con aglio, cipolle e porri tagliati a fettine sottili. Il bonito della prefettura di Kochi è fragrante in superficie e succoso all’interno. Ci sono due stagioni in un anno, il “Bonito di andata” da marzo ad aprile è attraente per la sua vivacità, mentre il “Bonito di ritorno” a ottobre è pieno di grassi e umami.


Katsuo no tataki

Katsuo no tataki

Mentaiko

La bottarga di merluzzo dell’Alaska è intrisa di condimenti come il pepe, e ha una consistenza a bolle d’aria, nel complesso speziata, e un gusto delizioso che trabocca dall’interno. Non solo può essere mangiato con il riso bianco, ma può anche essere usato con il sakè o con altri ingredienti come la frittata e la pasta.

In primo luogo, il mentaiko è stato immesso sul mercato per la prima volta il 10 gennaio 1949. È stato sviluppato da Toshio Kawahara, il fondatore di Fukuya a Hakata, una grande città della prefettura di Fukuoka. Si dice che questo sia il risultato della trasformazione giapponese del popolare piatto coreano di peperoncino myeonglanji. Dopo di che, Kawahara ha pubblicato generosamente la sua ricetta di sviluppo, facendo aumentare gradualmente il numero di aziende che producono mentaiko, e il mentaiko è cresciuto fino a diventare un souvenir standard di Fukuoka.


Mentaiko

Basashi (sashimi di cavallo)

La prefettura di Kumamoto ha una lunga tradizione di mangiare carne di cavallo. Ci sono varie teorie sull’origine, ma secondo una teoria, durante il periodo Sengoku del XVI secolo, quando si combattevano guerre civili in varie parti del Giappone, Kato Kiyomasa, il comandante militare che governava Kumamoto a quel tempo, diffuse l’idea di mangiare carne di cavallo come contromisura contro la carenza di cibo.

Il sashimi di cavallo, che si ottiene tagliando la carne di cavallo in modo sottile, è a volte chiamato “carne di ciliegia” in Giappone per il suo bel colore. È a basso contenuto di grassi, fornisce resistenza e ha un sapore leggero e una qualità di carne morbida. Generalmente viene servito con condimenti come cipolle a fette, zenzero grattugiato e aglio. Ogni parte del cavallo ha il suo “carattere”, e si può godere della consistenza e del gusto della bistecca, della costata, della criniera, della carne magra, ecc…, quindi perché non provare diversi tipi e confrontare i gusti?


Basashi (sashimi di cavallo)

Goya Chanpuru

Chanpuru significa “miscela varia” nella lingua di Okinawa (gochamaze in giapponese standard), e si dice che derivi dalla parola malese o indonesiana campur. Il “Goya chanpuru” è anche un piatto in cui una varietà di ingredienti come germogli di fagioli, uova, tofu e carne di maiale vengono saltati con semplici condimenti come sale e dashi, oltre al tradizionale cibo di Okinawa, la zucca amara.

Il nucleo, la zucca amara, contiene un’abbondanza di vitamine ed è chiamato il “re delle verdure estive”. Inoltre, la componente di amaro, unica nel suo genere, ha anche la funzione di aumentare l’appetito, il che lo rende un piatto perfetto per la prefettura di Okinawa, che ha un clima caldo.

Oltre al goya chanpuru, Okinawa ha molti tipi diversi di chanpuru che prendono il nome dal loro ortaggio primario, come “mamina (germoglio di fagioli) chanpuru” e “tamana (cavolo) chanpuru”. Assicuratevi di provarlo una volta!


Goya Chanpuru (fritto misto di melone amaro, tofu, uova e carne di maiale a fette o carne in scatola)

Goya