Kabuki, Bunraku e Kyogen

Il kabuki, bunraku e kyogen sono arti teatrali tradizionali giapponesi che si tramandano da secoli e che continuano ad essere molto popolari ancora oggi. Il kabuki è un’arte onnicomprensiva che combina canto, danza e performance. L’origine del nome è la parola kabuku, che descrive una persona che attira l’attenzione su di sé con il movimento convulso e con l’abbigliamento stravagante. Si dice che abbia avuto origine dal “kabuki-odori” (danza kabuki) eseguito da una donna di nome Izumo no Okuni a Kyoto nel 1603, ma a causa della morale pubblica del tempo divenne proibito alle donne di esibirsi. Uno degli incanti del kabuki è l’“onna-gata”, che si riferisce agli uomini che interpretano i ruoli delle donne. I tre “generi” del kabuki tradizionale sono il jidai-mono (drammi storici) che ritraggono samurai e altre classi superiori del periodo antico e medievale, sewa-mono (storie dal mondo) che ritraggono la vita “contemporanea” (leggi: periodo Edo) della classe medio-bassa, e buyo, che consiste principalmente della danza. Le opere kabuki Shinsaku (“nuove”) composte a partire dalla seconda guerra mondiale prendono spesso come fonti i manga e i libri illustrati. Potete vedere il kabuki in luoghi come la Kabuki-za di Tokyo, la Minami-za di Kyoto e la Shochiku-za di Osaka. Il bunraku, noto anche come ningyo-joruri-bunraku, è eseguito da suonatori di shamisen, burattinai e tayu (cantastorie) che lavorano insieme. Questa forma di teatro delle marionette, nata più di 300 anni fa a Osaka, è stata registrata dall’UNESCO come Patrimonio culturale immateriale. Le storie sono per lo più serie, ritraggono temi come i suicidi degli amanti nel periodo Edo, e il movimento fluido delle bambole, che sembrano come esseri umani, è profondamente commovente. Potete vedere il bunraku al Teatro Nazionale Bunraku di Osaka.

Il kyogen, considerata la più antica arte della commedia teatrale giapponese, è emersa nel XIV secolo o intorno a esso. Insieme al Noh, è classificato come nogaku, e nel 2001 è stato registrato dall’UNESCO come Patrimonio culturale immateriale. Il kyogen, conosciuta anche come “l’arte della risata”, tratta spesso come materiale di partenza la vita della gente comune nel periodo Edo, compreso il personaggio rappresentativo “Taro Kaja”, e descrive le abitudini e l’essenza umana come una risata. Si caratterizza per la sua trasformazione delle abitudini e dell’essenza delle persone a fini umoristici. Il kyogen può essere visto nei locali Noh di tutto il Paese, come il Teatro Nazionale Noh di Tokyo.


Kabuki

Arti marziali (Judo, Kendo, Kyudo, Sumo, Karate, Aikido)

Le arti marziali sono una grande tradizione del Giappone. Si dice che il nome giapponese, bu-do, avesse originariamente il significato di “il cammino (do) del guerriero (bu)”, e che il loro scopo non fosse solo quello di affinare il corpo, ma anche di insegnare il rispetto e rafforzare lo spirito, cercando di diventare una persona più completa. Le arti marziali giapponesi sono molte e varie, tra queste le più note sono il judo, il kendo, il kyudo, il sumo, il karate e l’aikido.

Il judo ha avuto origine dal “jiu-jitsu” del vecchio Giappone. Il jiu-jitsu è un’arte marziale per controllare l’avversario con tecniche come prese, leve articolari e calci. Poiché utilizza i movimenti e la forza di un avversario contro di lui, permette a una persona di taglia più piccola di vincere contro un avversario più grande.

Il kendo viene eseguito in una speciale uniforme e delle protezioni o, e l’obiettivo è quello di colpire l’avversario sulla testa (men), sul torso (do) o sulle mani (kote) con una spada di bambù. Il rispetto è alla base di questa disciplina, in quanto gli incontri iniziano e finiscono con gli avversari che si inchinano l’uno all’altro. A settembre 2018, c’erano circa 59 Paesi e regioni membri della Federazione Internazionale di Kendo.

Il sumo è lo sport nazionale del Giappone. I lottatori, chiamati rikishi, combattono a mani nude su un ring chiamato dohyo. Poiché il sumo nasce come pratica religiosa svolta nelle feste e nelle cerimonie religiose shintoiste, è ancora oggi praticato nei santuari, ma ci sono anche sei tornei ufficiali chiamati honbasho che si tengono ogni anno a Tokyo, Osaka, Nagoya e Fukuoka.

I tornei di arti marziali si svolgono in luoghi come il Nippon Budokan a Tokyo.


Judo

Sumo

Togei

Togei è un termine collettivo per le ceramiche in terra e le porcellane in polvere di pietra. Queste materie prime vengono trasformate in argilla e poi modellate per realizzare piatti, brocche, vasi, ecc. prima di essere cotte in un forno ad alta temperatura. Diverse ceramiche e porcellane sono state prodotte in diverse parti del Giappone e sono diventate famose specialità regionali.

Esempi noti sono l’Hasami-yaki di Nagasaki, l’Arita e l’Imari-yaki di Saga, il Bizen-yaki di Okayama, il Kutani-yaki di Ishikawa, il Mashiko-yaki di Tochigi e lo Shigaraki-yaki di Shiga. In particolare, la zona di Shigaraki di Koka a Shiga è così famosa per le sue numerose fornaci ed è conosciuta come la “città della ceramica”, ci sono inoltre molti posti dove si può provare a fare la ceramica. Al “Parco culturale della ceramica di Shigaraki”, le opere dei ceramisti sono esposte ovunque nel parco, che è ricco di natura, e ci sono studi dove si possono vedere gli ambienti di produzione dei ceramisti, negozi dove si possono acquistare vari tipi di Shigaraki-yaki. Perché non fermarvi se siete interessati all’artigianato tradizionale giapponese?


Togei

Kutani-yaki vecchio stile

Shigaraki Yaki (ceramica)

Nihon-Buyo (danza tradizionale giapponese)

Si dice che il Nihon-buyo, danza tradizionale giapponese, abbia avuto origine più di 1.300 anni fa, con le sue origini presunte raffigurate in un passo del Kojiki (712), la più antica opera scritta giapponese sopravvissuta. Circa 400 anni fa, nel XVII secolo, Izumo no Okuni, che creò la danza kabuki-odori, che si dice sia l’origine del teatro kabuki, influenzò anche il Nihon-buyo. Si dice che il Nihon-buyo si sia affermato come arte performativa grazie al successo del nenbutsu-odori, accompagnato da flauti e tamburi a Kyoto. Le radici del Nihon-buyo sono il “kabuki-buyo”, che si è sviluppato per la prima volta a Edo (la Tokyo moderna), ma dal XIX secolo, a Osaka e Kyoto, le danze sono diventate popolari non solo sui palchi formali nei teatri ma anche nei ristoranti tradizionali di alta classe e simili. Questi locali più stretti richiedevano un nuovo tipo di danza, chiamato “mai”. Il Nihon-buyo moderno è in larga misura suddiviso nei tipi “Edo” (Tokyo) e “Kamigata” (Osaka), con il “kabuki-buyo” del primo caratterizzato da una danza rigorosamente al ritmo, mentre il “mai” del secondo è più una danza espressiva con un ritmo rilassato. Esistono ancora oggi molte scuole diverse di Nihon-buyo, e le principali cinque sono la Hanayagi-ryu, la Fujima-ryu, la Wakayagi-ryu, la Nishikawa-ryu e la Bando-ryu. Canzoni, coreografie e costumi variano a seconda della scuola. Gli spettacoli di Nihon-buyo si possono vedere in luoghi come il Teatro Nazionale del Giappone a Tokyo.


Nihon-buyo

Cerimonia del tè e disposizione dei fiori

La tradizionale cerimonia del tè giapponese è stata diffusa in tutto il Paese dal maestro Sen no Rikyu (1522-1591). La cerimonia del tè si basa su metodi tradizionali, ed è un’arte completa che non solo serve matcha ai clienti con lo spirito giapponese dell’ospitalità, ma comprende anche lo spazio come la sala da tè e il giardino, gli utensili da tè, e la cucina kaiseki e i dolci tradizionali wagashi.

La cerimonia del tè valorizza la cultura spirituale del wabi-sabi, unica in Giappone e pone al centro lo spirito e permette di riflettere su se stessi bevendo del tè in una tranquilla casa da tè. Esistono molte scuole, e le tre più famose sono le “San-Senke” (Omotesenke, Urasenke, e Mushakojisenke), gli strumenti e i metodi differiscono a seconda della scuola. La cultura spirituale del wabi-sabi è comune a tutte.

Si dice che la composizione floreale, ikebana, iniziò originariamente con i fiori offerti agli dei scintoisti e al Buddha. Intorno al 1400-1500, i dipinti e i vasi utilizzati per decorare le nicchie tokonoma sono stati resi splendidi con fiori, che si sono sviluppati nell’attuale forma d’arte. Nella composizione floreale, potrete divertirvi a comporre i fiori di stagione, ad apprezzarli e ad imparare lo spirito dell’omotenashi (ospitalità) affinando la vostra sensibilità e intrattenendo i vostri ospiti. La composizione floreale ha più di 300 scuole diverse, con Ikenobo, Obara-ryu e Sogetsu-ryu che sono particolarmente note. Tutte le scuole hanno espressioni diverse, ma condividono lo stesso spirito di “amorevole cura per i fiori”. Kyoto ha numerosi luoghi dove si può provare sia la cerimonia del tè sia la composizione floreale.


Cerimonia del tè

Disposizione dei fiori

Makie/Lacca

La lacca, o shikki in giapponese, si riferisce a utensili che sono stati rivestiti di questa particolare vernice. La lacca è arrivata a simboleggiare il Giappone, al punto che in inglese viene talvolta chiamato japan (giappone). La lacca, che viene applicata agli oggetti, è una vernice naturale che ha varie caratteristiche come l’impermeabilità, l’isolamento termico (ritenzione del calore), la durata, proprietà antisettiche e antibatteriche. La lacca è stata applicata per la prima volta circa 6.000 anni fa. La lacca ha una lucentezza unica, e più la si usa, più diventa profonda e più arricchisce: il tocco delicato è davvero elegante. La lacca viene spesso utilizzata per occasioni speciali come il Capodanno e altre celebrazioni, ma è possibile usarla anche durante pasti abituali. Le lacche provengono da 23 aree di produzione in tutto il paese, come le lacche Wajima a Ishikawa, le lacche Kagawa dall’omonima prefettura e le lacche Echizen a Fukui, sono designate come artigianato tradizionale. Presso l’Urushi no Sato Kaikan a Sabae, nella prefettura di Fukui, si può conoscere da vicino il mondo della lacca nei laboratori e attraverso dimostrazioni di laccatura da parte di artigiani.

Il Makie è una delle tecniche di lavorazione della lacca che viene praticata da circa 1.200 anni. Si tratta di una tecnica unica in Giappone che prevende il disegno di un motivo con lacca sulla superficie del vaso con un pennello fine, spruzzando polvere d’oro e d’argento prima che si asciughi. Al “Villaggio dell’artigianato tradizionale Kaga Yunokuni no Mori” nella prefettura di Ishikawa, famoso per gli oggetti in lacca Yamanaka, potrete vivere un’esperienza di lavoro in lacca creando il vostro design preferito. Perché non sentirsi liberi di sperimentare queste antiche arti tradizionali giapponesi?


Lacca

Makie

Giardini giapponesi (Museo d’arte di Adachi, Museo di Nezu, Museo d’arte di Ohara)

Questa sezione presenta i musei d’arte che ospitano al loro interno splendidi giardini giapponesi.

Il Museo d’Arte Adachi di Shimane ospita un famoso giardino e una collezione Yokoyama Taikan che mira a mostrare l’armonia tra i dipinti nihonga e il giardino giapponese. Fondato da Zenko Adachi, secondo cui “un giardino è un tipo di pittura”, fino all’età di 91 anni ha lavorato alla costruzione di giardini, realizzandone sei con una superficie complessiva di circa 165.289,5 m2, che mostrano splendidamente le varie espressioni delle quattro stagioni. Il paesaggio del giardino, che si dice rappresenti “una pittura nihonga vivente” si fonde alle vaste montagne sullo sfondo e trasmette una profonda espressione di pace allo spettatore.

Il Museo Nezu, situato vicino a Omotesando a Tokyo, espone la collezione che il fondatore del museo, Nezu Kaichiro, ha raccolto nel corso della sua vita. Da non perdere l’autentico giardino giapponese nel parco. L’atmosfera delle montagne della città antica punteggiata da torii, santuari e buddha di pietra, e l’aria rinfrescante della foresta, vi fanno dimenticare di essere nel bel mezzo di una vivace megalopoli. Potrete anche rilassarvi con una tazza di caffè nella caffetteria che si affaccia sul giardino.

Il Museo d’arte di Ohara, situato nel quartiere storico di Bikan a Kurashiki, nella prefettura di Okayama, è stato il primo museo d’arte privato giapponese incentrato sull’arte occidentale. Il giardino Shinkei-en tra l’edificio principale del museo è stato originariamente costruito per la villa di Ohara Koshiro, per il primo presidente di Kurabo Industries, e la sua tradizionale costruzione in stile giapponese è stata molto apprezzata. L’edificio principale in stile Sukiya, il Keiken-do, e il giardino visto dalla casa da tè Yushin-tei sono aperti al pubblico come strutture municipali di Kurashiki, e possono essere visitati gratuitamente.


Museo d’Arte Adachi

Museo d’arte di Ohara

Vetreria (Kiriko)

La storia della lavorazione del vetro in Giappone è molto antica, ed è documentato che sfere di vetro e forni per la lavorazione del vetro sono stati scavati circa 2.000 anni fa. Fu intorno al 1700 che nacque il “vetro Kiriko”, conosciuto in tutto il mondo come tradizionale artigianato giapponese si tratta di una sapiente tecnica di intaglio del vetro tutta fatta a mano e con disegni unici. Esempi tipici della vetreria Kiriko sono “Edo Kiriko” di Tokyo e “Satsuma Kiriko” di Kagoshima. Lo Edo Kiriko è stato anche utilizzato all’interno della Tokyo Sky Tree. Edo Kiriko è caratterizzato da curve e rappresentazioni delle bellezze della natura, ed è stato designato come artigianato tradizionale del Giappone nel 2002. Il Satsuma Kiriko è caratterizzato da una gradazione più delicata e da un incisione più profonda rispetto all’Edo Kiriko. Non c’è dubbio che il vetro Kiriko, ideale per bere un drink con ghiaccio, sarà un ottimo souvenir.


Satsuma Kiriko (arte del vetro)

Satsuma Kiriko (arte del vetro)

Tintura e tessitura

La tintura e la tessitura sono chiamate collettivamente senshoku in giapponese. Si dice che la tintura e la tessitura siano state eseguite in Giappone fin dal periodo Jomon, più di 2.300 anni fa, quando i materiali per maglieria erano corde.

Ci sono varie tecniche di tintura e di tessitura. La tintura viene effettuata dopo la tessitura, ed è spesso usata per i kimono. Ci sono vari tipi, come la tintura yuzen, la tintura roketsu, la tintura a stencil e la spremitura, e il prezzo può essere molto diverso quando si tratta di kimono. I luoghi più famosi per le tinture sono il Kaga Yuzen a Ishikawa, il Kyo Yuzen a Kyoto e il Komon a Tokyo.

Un orimono è un tessuto intrecciato con fili tinti in precedenza. A seconda delle varie trame, i modelli possono essere molto diversi. Ci sono 38 tipi di tessuti designati come artigianato tradizionale in tutto il Giappone. Tra questi, Oshima Tsumugi a Kagoshima è tra le più importanti per la seta, uno dei tre principali tessuti del Giappone. La zona Nishijin di Kyoto, famosa per il Nishijin-ori, è ancora fiancheggiata da negozi tessili di lunga data. A Kyoto ci sono strutture e laboratori dove si può sperimentare la tintura e la tessitura e portare come souvenir a casa le proprie creazioni.


Nishijin-ori